.
Annunci online

"STATE PER ENTRARE IN TERRITORIO ZAPATISTA RIBELLE, QUI IL POPOLO COMANDA E IL GOVERNO OBBEDISCE!"
La Cagata del giorno
post pubblicato in La Cagata del giorno, il 22 novembre 2011


da www.sassuolo2000.it

Filippi (PDL): “ricostruito il ponte di Morsiano grazie al governo Berlusconi”

Lo so... voi non sapete chi è Filippi (consigliere regionale reggiano, in quota PDL, dell'Emilia Romagna), nè dove si trova Morsiano (ridente frazione del comune di Villa Minozzo, appennino reggiano)...

Ma io conosco sia Filippi, che Morsiano (a cui era clamorosamente crollato un ponte, al confine con la provincia di Modena, lo scorso inverno!), quindi vi garantisco: dice fesserie!

La cosa che però fa più ridere, ed è la legge del contrappasso di FIlippi, è che i lavori del nuovo ponte li ha portati avanti la UNIECO... Cooperativa Rossa di Reggio Emilia! Quindi l'ex (brucia, eh, Filippi?) governo Berlusconi si è reso colpevole di aver finanziato dei comunisti sovversivi, pronti ad imbracciare le armi come ai tempi della tanto vituperata (da Filippi) guerra di Resistenza... CRIMINALI!!!!!

Nella foto: un momento dell'inaugurazione del Ponte di Morsiano... Filippi è quello dietro al prete che impartisce la benedizione, giacca nera e sciarpetta grigia... Il prete non vi ricorda vagamente Karl Marx? Pure ad un prete sovversivo fa benedire il ponte! Sei circondato, Filippi!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cazzate grandi opere personaggi inutili

permalink | inviato da Mauro1977 il 22/11/2011 alle 15:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Piove... evento epocale!
post pubblicato in Informa & Disinforma, il 27 ottobre 2011


Uno dei temi per cui questi anni Berlusconiani rimarranno nella storia come una merda, è quello delle cosiddette "Grandi Opere". Una delle più grosse cazzate sparate dal Caimano da quando è entrato in politica! Per anni si è sproloquiato di TAV, Ponte sullo Stretto, Autostrada Modena - Lucca (non ve la ricordate, eh? Quella ribattezzata anche la "Giovanardi - Matteoli"... per forza era una merdata!), tunnel vari, allungamenti (l'unico, è forse solo quello del suo pene!), strade che ci collegavano alla Siberia ecc. ecc. ecc. Memorabile fu la puntata di "Porta a Porta", ben 10 anni fa, dove il Sultano, spalleggiato da un Vespa adorante, armato di pennarello (se se lo fosse messo dove dico io...) su una cartina dell'Italia iniziò a disegnare linee senza senso, per spiegare come avrebbe "modernizzato" l'Italia, grazie anche all'ormai mitologico Ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi (che fine ha fatto? Mah..), che rimarrà alla storia solo per la frase: "Con la mafia dobbiamo conviverci!"... Insomma, quella delle "Grandi Opere" è stata una delle palle più grosse nella carriera del cacciapalle Berlusconi, non che il centro-sinistra, in quel poco che ha governato, abbia fatto molto di più, si è limitato alla "Variante di Valico", che dopo 15 anni è ancora un cantiere aperto! Tutta questa premessa per parlare del dramma della Liguria e della Toscana, due regioni piegate e distrutte dalle prime vere pioggie di questa seconda parte del 2011! Che riporta, drammaticamente visti i morti e i feriti, allo stesso problema di cui solo lo scorso anno si parlava nel Veneto alluvionato, ovvero del tremendo dissesto idrogeologico che attanaglia questo paese da sempre! Ecco, invece di pensare a ste cazzo di "Grandi Opere" inutili, perchè non rimettere mano al nostro territorio, vincolando seriamente le zone non edificabili, riprendere a curare i nostri boschi, fiumi e torrenti! A costruire bene le strutture, e, se sono fatte male, perseguire quelle imprese che lavorano alla cazzo di cane! Come a Roma, dove non riescono a fare delle fognature decenti! Perchè non possiamo farci sorprende, ogni anno, da questo evento imprevedibile: LA PIOGGIA! Cazzo! Meno palle e lavorare, porca troia!



Lunigiana, ieri... quello era un ponte!

Grandi Opere!
post pubblicato in Politica , il 13 agosto 2010


Vi ricordate quando Berlusconi durante la campagna elettorale del 2001 se ne andò a Porta a Porta per presentare il piano di grandi opere che avrebbe fatto di a 5 anni? Memorabile quando alla lavagna iniziò a disegnare strade, gallerie, ponti etc. Ora, mi pare superfluo, anche se nessuno lo dice, che non è stato fatto un cazzo di quello promesso, e non per colpa dei Verdi (che ormai sono in via di estinzione...esistono ancora?)... Ministro delle Infrastrutture di allora, Pietro Lunardi, parmigiano, con uno studio di ingegnieria importantissimo, che un giorno dichiarò: "E' inutile, con la Mafia dobbiamo conviverci!" e che fa parte della Anemone's Band, perchè pare che anche a lui sia stata ristrutturata una casa a sua insaputa... Infatti, nel 2008, casualmente, non è stato riconfermato Ministro, viste le capacità, soprattutto intelletive, dimostrate! Una delle super-opere promesse doveva essere la fantastica Metropolitana di sopraterra a Parma, sua città natale... Deliberata e finanziata verso gli anni 2003-2004, doveva essere costrutita da due colossi della zona: la Pizzarotti di Parma e la Coopsette di Castelnovo Sotto (RE). Peccato che all'improvviso il Comune di Parma abbia detto: stop, non se ne fa niente, i soldi li investiamo in qualcos'altro. Però qui casca l'asino: non si sa proprio in che cosa verranno investiti circa 10 milioni di euro! Senza contare l'incazzatura delle due aziende sedotte e abbandonate... Qualcuno dirà: tu sei della provincia di Reggio Emilia, c'è l'hai con i parmigiani! Niente affatto: ho degli ottimi amici a Parma (città che mi piace e frequento moltissimo), città però che se la tira un pochino, per il suo passato napoleonico e di "Gran Ducato", ed è sorretta da anni da una lista civica  (Civiltà Parmigiana) appoggiata dal centro-destra, quindi potete immaginare i peana per gli eroi che hanno cacciato i comunisti da una città storicamente "Rossa"! Perciò non mi dispiace affatto questo gran casino che sta succedendo, con perquisizioni della Finanza in Comune e inchieste della Procura, con chiarimenti pateteci da parte dell'amministrazione comunale! Con quel Sindaco, Pietro Vignali detto "Kurt Russel" per la somiglianza con l'attore, che fa il fighetto, ma è mooolto permalosetto: l'anno scorso ha querelato tre adolescenti perchè su Facebook avevano scritto che il "Piano Neve" del Comune di Parma era dovuto alla cocaina che si tirava il Sindaco... mah! Quindi, temo che i miei cari amici di Oltre Enza ne vedranno delle belle sulla questione Metro! 


da www.gazzettadiparma.it    

Inchiesta sulla metropolitana: gli esposti sono cinque

 

E' partita da un’indagine conoscitiva sulla spesa pubblica, condotta dalla guardia di finanza, l'inchiesta che la Procura di Parma ha avviato sulla metropolitana cittadina mai realizzata. Il fascicolo al momento non contiene i nomi di nessun indagato e anche l’ipotesi di reato non è stata ancora formulata. Contestualmente all’indagine delle Fiamme Gialle la Procura di Parma si era attivata sulla base degli esposti presentati dall’avvocato Arrigo Allegri, anche per conto del Comitato 'Stop Metro' alle procure di Parma, di Roma e alla procura della Corte dei Conti. Gli esposti sono cinque e sono stati presentati in tempi diversi: l’ultimo risale al 22 marzo scorso.

L'avvocato Allegri, specializzato in Diritto amministrativo, ha segnalato «alcune incongruenze» relative al numero dei viaggiatori che avrebbero dovuto usufruire del servizio di trasporto, alla presenza nel Cda della società MetroParma di Ettore Incalza, consulente all’epoca dei fatti del ministro Lunardi, e alla spesa di soldi pubblici quantificata in milioni di euro che sarebbero serviti a costituire la società per la gestione del servizio metropolitano, a dotarla di dipendenti e a pagare le spese relative alla progettazione dell’opera. Lo stesso Allegri così descrive la presenza di Incalza (già coinvolto nella vicenda Anemone), nel Cda della società MetroParma. «Incalza è diventato amministratore di MetroParma circa due settimane prima dell’approvazione del progetto definitivo – dice Allegri – da un lato Incalza era consigliere di Lunardi mentre dall’altro aveva ricevuto un incarico nella società MetroParma. Quando Lunardi ha cessato l’incarico di ministro (2006), Incalza è diventato capo della struttura tecnica di missione che per il Ministero delle Infrastrutture era chiamata ad approvare i progetti. Incalza – continua Allegri – rimane in carica fino al 2008 nella duplice veste di 'controllore e controllato'. E questo fino all’aggiudicazione della gara alle imprese Pizzarotti, Coopsette e Ccc. Io ho segnalato in Procura anche queste ambiguità nei ruoli».

A parte il ruolo di Incalza nell’iter che ha portato all’aggiudicazione del progetto, Allegri ha segnalato alla Magistratura inquirente e alla Corte dei Conti anche l’esistenza di dati non sempre omogenei per quanto riguarda l’utenza che si prevedeva avrebbe potuto servirsi della metropolitana di Parma una volta realizzata. «Inizialmente – spiega ancora l’avvocato Allegri – erano stati previsti 23 milioni di viaggiatori a fronte dei 27 che ogni anno si servono di tutta la rete Tep (l'azienda di trasporti locale, ndr). In seguito il secondo progetto definitivo indicava in 8 milioni di utenti che si sarebbero serviti delle linee metropolitane. Anche questa sfasatura tra i due dati è stata da me segnalata».
L'ultima annotazione che Allegri fa nei suoi esposti riguarda il denaro speso fino ad oggi per un progetto mai realizzato. «Non si sa quanti milioni sono stati finora spesi – afferma Allegri – l'ex sindaco di Parma, in una conferenza stampa di qualche tempo fa, fece riferimento a 30 milioni di euro ma nessuna cifra è stata confermata ufficialmente. Di certo il danaro è servito per la progettazione dell’opera, poi modificata nel tempo, per le consulenze rese da Metropolitane Milanesi e per creare una struttura apposita. Il Cda di MetroParma era composto da tre persone e la società aveva anche dei dipendenti, ma anche in questo caso non sono mai stati forniti dati ufficiali». La mancata realizzazione dell’opera comporterà la necessità di dover transare con le imprese che se la sono aggiudicata. Un problema che per il momento è stato affrontato soltanto in termini ipotetici anche in sede governativa.



Il Sindaco Jena Plissken prima di "2010, Fuga dalla Guardia di Finanza!" 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Parma. Metro Grandi Opere Appalti bufala

permalink | inviato da Mauro1977 il 13/8/2010 alle 15:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia ottobre        dicembre
calendario
adv