.
Annunci online

"STATE PER ENTRARE IN TERRITORIO ZAPATISTA RIBELLE, QUI IL POPOLO COMANDA E IL GOVERNO OBBEDISCE!"
L'orrore!
post pubblicato in Informa & Disinforma, il 10 ottobre 2011


Stefano Gay Tachè era un bambino di due anni e i suoi genitori l'avevano portato in Sinagoga, nel ghetto romano, quel 9 ottobre 1982... non poteva ancora sapere nulla dell'odio che investiva il medio-oriente in quei giorni terribili, con il Libano messo a ferro e fuoco, ma morì lo stesso, per mano di un commando terrorista palestine, facente parte di Abu-Nidal, che attaccò la Sinagoga, e ferirono anche altre 40 persone... unica vittima, sicuramente la più innocente di tutte le vittime innocenti che potevano esserci quel giorno! Oggi il fratello e la comunità ebraica romana lo ricordano polemizzando direttamente con lo stato italiano che ha dimenticato questo fatto drammatico, e accusano i politici di allora che "flirtavano" con Arafat e l'OLP. Chi ha letto qualche pagina di questo blog sa come la penso sulla questione palestinese, da sempre mi ritengo filo-palestinese, senza incorrere però in un cieco anti-semitismo, il che ti fa vedere le cose, a mio parere, con un certo equilibrio... io capisco la rabbia dei famigliari di Stefano e della comunità ebraica romana, ma torniamo indietro a quell'autunno del 1982, e ricordiamo cos'era successo alcuni giorni prima, in Libano... tra il 16 e il 18 settembre di quello stesso anno, ci fu Sabra e Shatila. Cos'è? Fu una delle peggiori stragi, a livello di una vera e propria pulizia etnica, perpretrate ai danni dei palestinesi! Furono uccisi centinaia (la Croce Rossa internazionale parlò di 1000-1500 morti) di profughi palestinesi, stipati nel campo di Sabra e Shatila, massacrati dalle milizie cristiane libanesi, con il decisivo appoggio dell'esercito israeliano, comandato dal Generale Ariel Sharon... fu uno degli orrori peggiori del conflitto arabo-israeliano, questi sono alcuni resoconti di giornalisti occidentali sui fatti di quei terribili giorni, quando rientrano nel campo profughi:

Elaine Carey scrive sul quotidiano Daily Mail del 20 settembre 1982:

Nella mattinata di sabato 18 settembre, tra i giornalisti esteri si sparse rapidamente una voce: massacro. Io guidai il gruppo verso il campo di Sabra. Nessun segno di vita, di movimento. Molto strano, dal momento che il campo, quattro giorni prima, era brulicante di persone. Quindi scoprimmo il motivo. L'odore traumatizzante della morte era dappertutto. Donne, bambini, vecchi e giovani giacevano sotto il sole cocente. La guerra israelo-palestinese aveva già portato come conseguenza migliaia di morti a Beirut. Ma, in qualche modo, l'uccisione a sangue freddo di questa gente sembrava di gran lunga peggiore 

Loren Jankins scrive sul quotidiano Washington Post del 20 settembre 1982:

La scena nel campo di Shatila, quando gli osservatori stranieri vi entrarono il sabato mattina, era come un incubo. In un giardino, i corpi di due donne giacevano su delle macerie dalle quali spuntava la testa di un bambino. Accanto ad esse giaceva il corpo senza testa di un bambino. Oltre l'angolo, in un'altra strada, due ragazze, forse di 10 o 12 anni, giacevano sul dorso, con la testa forata e le gambe lanciate lontano. Pochi metri più avanti, otto uomini erano stati mitragliati contro una casa. Ogni viuzza sporca attraverso gli edifici vuoti - dove i palestinesi avevano vissuto dalla fuga dalla Palestina alla creazione dello Stato di Israele nel 1948 - raccontava la propria storia di orrori. In una di esse sedici uomini erano sovrapposti uno sull'altro, mummificati in posizioni contorte e grottesche

Ispirandosi a questi fatti, Fabrizio De Andrè scrisse una delle sue canzoni in genovese più belle e struggenti, Sidùn, il cui testo in italiano diceva:

Il mio bambino il mio
il mio
labbra grasse al sole
di miele di miele
tumore dolce benigno
di tua madre
spremuto nell'afa umida
dell'estate dell'estate
e ora grumo di sangue orecchie
e denti di latte
e gli occhi dei soldati cani arrabbiati
con la schiuma alla bocca
cacciatori di agnelli
a inseguire la gente come selvaggina
finché il sangue selvatico
non gli ha spento la voglia
e dopo il ferro in gola i ferri della prigione
e nelle ferite il seme velenoso della deportazione
perché di nostro dalla pianura al molo
non possa più crescere albero né spiga né figlio
ciao bambino mio l'eredità
è nascosta
in questa città
che brucia che brucia
nella sera che scende
e in questa grande luce di fuoco
per la tua piccola morte
.

Quanti Stefano, quante vittime innocenti sono morte in questa orribile strage? Quando finirà questo orrore? Quando finalmente i governi di questi paesi, e i loro alleati, metteranno fine a questa spirale di odio senza senso? Pure il governo di Hamas non mi convice, anche se ha vinto delle libere elezioni, dato che è troppo ambiguo e sbilanciato sull'anti-isrealismo duro e puro... Ma è meglio l'attuale governo di Israele? Con personaggi disgustosi e reazionari come il ministro degli esteri Lieberman? Infatti, quella che potrebbe essere una mossa che può aiutare a distendere un pò gli animi, la proclamazione dello stato palestinese all'Onu, viene pesantemente osteggiata da Israele e Usa, per un assurdo veto... E' inutile, le guerre di religione rimangono tra le peggiori disgrazie dell'umanità! Per concludere, voglio chiedere alla comunità ebraica romana: se i politici italiani (personaggi orrendi come Craxi e Andreotti, quindi comunque indifendibili) flirtavano con Arafat, chi era che filtrava con Sharon a quel tempo? Non è meno condannabile? Che differenza c'è tra un terrorismo criminale come quello dell'attentato alla Sinagoga, e un terrorismo di stato come la strage di Sabra e Shatila? Domande difficili, per questo un pò di equilibrio da parte di tutti, ed in particolare di certa stampa, non sarebbe male!

Informazione del tubo Tucker!
post pubblicato in Politica , il 18 agosto 2011


Ieri sera si è svolta una grossa manifestazione laica indetta dagli Indignados a Madrid, in risposta alla Giornata Mondiale della Gioventù, che oggi prevede la visita di Benedetto XVI. Se uno si lasciasse informare solamente dall'informazione televisiva e giornalistica italiana (tutta, purtroppo!), si farebbe la solita idea che si vuol far passare in questi casi nel nostro paese: un gruppo di violenti e intolleranti che si rifanno sui poveri pellegrini in visita nella capitale... ammetto che mi sembra sbagliato quanto successo ieri sera, con momenti di tensione ad una fermata della metropolitana tra manifestati e giovani pellegrini, che non hanno nessuna colpa di questo spreco di 50 milioni di Euro (spagnoli) in un momento del genere... Soprattutto perchè alcuni miei conoscenti sono andati a Madrid fregandosene altamente della Giornata della Gioventù, ma approfittando della cosa per visitare la bellissima capitale spagnola... Sbagliato anche questo, io a Madrid ci sono andato, per i fatti miei, a maggio, senza la scusa del Papa, visto che non ho stima del personaggio... ma torniamo al tema principale, la merdosa informazione italiana... perchè penso che Indignados e laici spagnoli possano un pochino avere il dente avvelenato? Perchè dico che i nostri mezzi di informazione ci prendono per il naso? Per questo motivo:

da www.gennarocarotenuto.it

José Albano Pérez Bautista, 24 anni, borsista post-laurea in chimica organica all’importante CSIC di Madrid, aveva tutte le competenze per mettere in pratica il suo piano criminale per il quale è ora in  carcere: fare una strage tra quanti osano protestare contro la multimilionaria visita di Benedetto XVI in Spagna per la Giornata mondiale della gioventù (JMJ la sigla in spagnolo).

 

Pérez Bautista si era fatto notare in alcuni siti ultracattolici e ultraconservatori e, quando è stata effettuata la perquisizione a casa sua, sono stati trovati materiali definiti “delicati” dagli inquirenti sulla possibile preparazione di esplosivi.

Per l’attentato contro i critici della JMJ Pérez Bautista, laureato in chimica a Puebla, in Messico, avrebbe contato di usare il gas sarin, lo stesso che nel 1995 i terroristi di Aum Shinriky usarono per gli attentati nella metropolitana di Tokio, in Giappone, che causarono 12 morti. Particolare ancora più “notiziabile”: Pérez Bautista era un volontario dell’organizzazione della “giornata mondiale della gioventù” ed è stato arrestato proprio nei locali di tali volontari. Rischia fino a 14 anni di carcere.

Centinaia di associazioni, riconducibili soprattutto al movimento degli “indignati”, stanno protestando in Spagna per le spese che lo Stato spagnolo ha destinato all’evento, superiori ai 50 milioni di Euro, in un paese che viaggia verso i 5 milioni di disoccupati e che ha tassi di disoccupazione giovanile intorno al 40%.

La notizia di un possibile nuovo Anders Breivik, il fondamentalista protestante norvegese autore della strage di Utoya lo scorso 22 luglio, ha avuto rilevanza in Spagna e nel resto del mondo ma è stata quasi completamente ignorata dai media italiani, nella malriposta convinzione che il terrorismo, le bombe, non facciano male indipendentemente dal colore e dalla religione ma siano buone a creare allarme sociale e consenso politico solo a senso unico.

Di questo ho letto solamente sul sito che vi riporto e sul sito del TG1, dove ho trovato un trafiletto... dubito che Minzolini ne abbia però fatto cenno in qualche edizione del telegiornale, dandogli lo spazio che meritava!
Magari si tratta di allarmismo ingiustificato, ma quante volte abbiamo sentito parlare, in tono grave e con ampio risalto, di generiche "minacce da parte di gruppi islamici", "minacce degli anarco-insurrezionalisti", oppure ogni volta che vi sono proteste in Val di Susa o altre zone calde, i nostri grandi (dis)informatori parlano di "violenti", "estremisti", "criminali"...

Insomma ragazzi, rendiamocene conto, questo paese ha un filtro informativo inquietante, che poco c'entra con la democrazia, parola con cui gentaglia tenta di pulirsi la merdosissima bocca! Quando poi si devono toccare temi "clericali", lo si fa in maniera da "presepe", apparecchiando quadretti stucchevoli e zuccherosi sul Papa, che non se la passa poi così bene ultimamente, vedi anche i casi di pedofilia...

Antenne dritte ragazzi, e attenzione a tutto quello che si sente! La verità vive da un'altra parte!

Nella foto: un manifestante di ieri sera a Madrid... Il cartello recita : «Il Papa elargisce 50mila euro alla Somalia e qui ne spende 50 milioni»

Trova le differenze!
post pubblicato in Politica , il 26 luglio 2011


Che differenza c'è tra questo Topo di Fogna:

Mario Borghezio, che durante la trasmissione radiofonica "La Zanzara" di Radio24 (vedi a questo link:http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/07/26/borghezio-la-strage-di-oslo-colpa-della-societa-multirazziale-che-fa-schifo/147822/) giustifica, anzi inneggia, a quanto fatto da quel demente terrorista suo pari di Breivik in Norvegia?

E questi mentecatti:

gruppo di kamikaze islamici pronti a farsi saltare in aria?

Secondo me nessuna differenza... anzi una c'è: che i kamikaze e jihadisti i loro proclami li fanno clandestinamente su internet o inviando video messaggi alle tv, mentre la merda Borghezio viene invitato ad un programma di approfrondimento giornalistico radiofonico (per quanto si possa affermare che quell'imbecille di Cruciani sia un giornalista...) ad alimentare ancora un pò di quell'odio cieco che ha armato la mano di Breivik... anzi, trovo un'altra differenza ancora: i kamikaze non sono parlamentari europei (?????) pagati da noi, a differenza del Topo di Fogna!!!!!!!!

Ma perchè la natura non ci mette una pezza a tutto lo schifo che emana questa sottospecie di essere (in)umano?!?!?!?!? 

E' ufficiale...
post pubblicato in America Latina e dintorni, il 23 luglio 2011


... esistono un sacco di stronzi in Norvegia! Norvegesi doc, perciò non arrivano solo dall'esterno! Oggi erano tutti pronti a ripartire, in particolare i nostri giornali, con la solfa dello "Scontro di Civiltà"... peccato che, arrivati a sera, inizia a circolare la voce che non siano attentati di stampo islamico e internazionale, ma di matrice interna! Ed in effetti, quando ho sentito la notizia dell'attacco al campo organizzato dai giovani laburisti norvegesi, ho pensato che fosse strano come obiettivo da parte di Al Quaeda.... Sapete qual'è il problema? Il problema è che nel nord Europa negli ultimi anni sono nati (e sottovalutati) troppi gruppi e partiti politici estremisti, xenofobi e neo-nazisti... vuoi vedere che la guerra odierna di Oslo nasce proprio in quegli ambienti? Staremo a vedere...

Comunque, chiunque sia stato, che orrore!

Ammazza che culo gli hanno fatto!
post pubblicato in America Latina e dintorni, il 2 maggio 2011




Nella foto (falsa, come ammesso dalla TV pachistana che l'ha pubblicata per prima): Osama Bin Laden stecchito... direi che forse gli hanno fatto anche un bel paio di occhiali da sole prima di seccarlo!!!!!

Onestamente sono rimasto sorpreso, pensavo fosse già morto da tempo e che venisse utilizzato solo come spauracchio... Certo, prenderlo vivo sarebbe stata, a mio parere, una vittoria doppia per l'intelligence americana. Ma c'è un problema: i vivi parlano, i morti no! Meglio così, per qualche ex-presidente degli Stati Uniti di origine texana...

Ora rimane il mistero del Mullah Omar, che con il suo Garelli scorazza sempre libero non si sa dove, facendo pure le penne!



Nella foto: il Mullah Omar festeggia a modo suo la morte di Bin Laden: da oggi è lui il ricercato numero uno al mondo!!!!

Il Capro Respiratorio!
post pubblicato in Politica , il 18 aprile 2011


Come avrebbe detto il Grande Totò! Il Capro(ne) del titolo è tal Roberto Lassini, che vedete nell'unica foto trovata:



costui è il Presidente Onorario (che cazzo d'onore!) dell'associazione responsabile dei cartelloni "Fuori le BR dalle Procure!", apparsi a Milano venerdì, e di cui abbiamo già parlato...

Si scrive Lassini, ma si legge:



... cioè Lassini è l'ennesimo coglionazzo che si prende la colpa al posto del Caimano! Già, perchè chi è stato il primo che ha ululato delle "Procure eversive" di "Magistrati come le brigate rosse" e altre oscenità simili?!?!?? Ma Silviuccio nostro, spalleggiato dai suoi "Gosth Writer" alla Ferrara, per intenderci!!!!!

Adesso tutti a dare addosso al povero Lassini, in uno sdegno bipartisan, quello sdegno e quelle richieste di dimissioni che gli sgherri e i servi non hanno mai quando si tratta del Sultano... dovrebbero provarci, dopo essere stati miracolati dal loro Signore & Padrone!

Tutto ciò è il sintomo dell'ignoranza, cretineria e stupidità di questo paese, che non ha memoria o la vuole rimuovere a suo uso e consumo... Perchè? Beh, basta rileggersi questo elenco, che tutti possono trovare su internet:

ALESSANDRINI EMILIO - 1942, magistrato. Ucciso a Milano il 29.01.1979, Prima Linea

BACHELET VITTORIO - 1926, magistrato, vicepresidente del Csm. Ucciso a Roma 12.02.1980, Br

CALVOSA FEDELE - 1919, Procuratore capo della Repubblica. Ucciso a Patrica (Fr) 08.11.1978, Ucc

COCO FRANCESCO - 1909, Procuratore generale della Repubblica. Ucciso a Genova 08.06.1976, Br

GALLI GUIDO - 1932, magistrato. Ucciso a Milano 19.03.1980, Prima Linea

GIACUMBI NICOLA - 1930, Procuratore capo della Repubblica. Ucciso a Salerno 16.03.1980, Br

MINERVINI GIROLAMO - 1919, magistrato. Ucciso a  Roma 18.03.1980, Br

PALMA RICCARDO - 1915, magistrato. Ucciso a Roma 14.02.1978, Br

TARTAGLIONE GIROLAMO - 1912, magistrato. Ucciso a Roma 10.10.1978, Br

Tutti magistrati uccisi da BR e simili, ho volutamente escluso tutti quei giudici uccisi da neofascisti come NAR o Ordine Nuovo (dove militava, va ricordato sempre, Mario Borghezio, eminente esponente del centro-destera!)... Se TUTTI sapessero di questo (perchè il dramma è questo: non tutti, soprattutto i giovani, sono a conoscenza della storia recente del nostro infelice paese) sacrificio della magistratura italiana nei confronti del terrorismo... beh... forse una forconata nel culo qualcuno se la sarebbe già presa!!!!

Scotland Yard non sbaglia mai!
post pubblicato in America Latina e dintorni, il 19 settembre 2010


La cosa più divertente del viaggio a Londra di Benedetto XVI, robetta, visto che agli inglesi non gliene può fregà de meno e lo scandalo pedofilia è ancora una ferita fresca, dicevo che la storia del falso attentato al Papa è veramente spassosa! Ovviamente i nostri media c'hanno fatto la solita figura di merdissima, ma chi l'ha fatta ancor di più è la polizia inglese... Già ai tempi degli attentati alla metropolitana di qualche anno fa, erano riusciti a far secco un povero elettricista brasiliano solo perchè portava un zainetto sospetto, stavolta hanno invece arrestato sei poveracci algerini, di professione netturbini, che disarmati avrebbero dovuto far secco Ratzinger! Scarcerati, e con tante scuse tra l'altro! Che dire, i Teo-Con di casa nostra si stavano già sfregando le mani per riapartire con la tiritera dello "Scontro di Civiltà", invece per colpa di quegli idioti di Scotlad Yard, quel lardoso di Giuliano Ferrara non potrà scrivere in merito... che peccato!

Sfoglia settembre        novembre
calendario
adv